Versamento al ginocchio: come prevenirlo

Le nostre offerte mensili
Versamento al ginocchio: come prevenirlo 08 Ottobre 2019

Il ginocchio è senza dubbio l’articolazione più delicata: sempre sottoposta al peso dell’intero corpo, il ginocchio può gonfiarsi a causa di numerose sollecitazioni o, ancora peggio, di lesioni ai tendini, ai legamenti e al menisco.

Che fare, quindi, per prevenire il gonfiore al ginocchio e preservare la salute del nostro organismo?

Esistono alcuni rimedi preventivi davvero efficaci. Scopriamoli insieme.

  • Indossate una ginocchiera.

In farmacia sono disponibili ginocchiere facili da usare e pratiche da indossare durante il giorno, per proteggere il menisco e i tendini. Soprattutto se trascorrete molto tempo piegati, le ginocchiere imbottite sono un toccasana per le vostre articolazioni. Un ulteriore consiglio: ogni 15 minuti sgranchite le gambe, anche solo per qualche secondo. Queste piccole pause aiuteranno le vostre ginocchia a rimanere in salute.

  • Evitate un’attività fisica ad alto sforzo articolare

Se siete soggetti all’infiammazione delle ginocchia è bene evitare di svolgere sport e attività fisiche che espongano ad alte sollecitazioni gli arti inferiori. Dite no, quindi, alla corsa, al basket e a sport invernali come lo sci e lo snowboard.

  • Inserite nella vostra dieta cibi dalle proprietà antinfiammatorie

Solitamente il versamento al ginocchio è causato da un’acuta infiammazione dei tessuti articolari. Per questa ragione anche l’alimentazione può aiutare a prevenire il gonfiore. Eliminate dalla vostra dieta quotidiana i fritti e alimenti carichi di zuccheri. Fate spazio, invece, a frutta, verdure e proteine, dalle grandi proprietà antinfiammatorie.

Se, nonostante questi accorgimenti, avvertite le prime avvisaglie di versamento al ginocchio, intervenite con tempismo. Come? Dopo aver applicato sulla zona interessata una borsa del ghiaccio (per non più di 20 minuti), bendate il ginocchio con una fasciatura elastica con chiusura adesiva: in questo modo non si gonfierà.

Ultime news
  • Ipoacusia, cos´è e come si cura

    06 Febbraio 2020

    Anche se si pensa che sia legata all'età, la perdita dell'udito può colpire chiunque. Le cause che determinano questo disturbo, infatti, possono essere molteplici e di varia natura.

    La diminuzione della percezione uditiva dei suoni, conosciuta come ipoacusia, generalmente si manifesta con:

    • abbassamento dell'udito;
    • percezione sonora ovattata;
    • sordità improvvisa;
    • allucinazioni uditive.

    Se sottovalutata può portare alla sordità: per questo, diagnosi e cure tempestive sono fondamentali.

    Quali sono le cause?

    L'ipoacusia può nascere per diverse motivazioni. La più comune è senza dubbio l'avanzamento dell'età. Superati i 65 anni, infatti, una persona su tre soffre di questo disturbo. Ma non solo.

    La perdita dell'udito può presentarsi anche in seguito a:

    • danni alla parte interna dell'orecchio o del nervo uditivo;
    • impedimenti fisici che ostacolano la percezione delle onde sonore (accumulo di cerume o fluidi);
    • patologie concomitanti, tra cui pressione alta e diabete;
    • traumi,
    • malattie infettive, come otiti;
    • esposizione prolungata a suoni e rumori forti;
    • cause ereditarie.

    Come si cura?

    Una volta diagnosticata, a seconda della natura della sintomatologia, è possibile intervenire in vari modi.

    In genere, acquistare un apparecchio acustico rappresenta la soluzione migliore per risolvere questo disturbo. Se però l'ipoacusia si è manifestata in seguito ad un'infezione, è possibile trattarla con degli antibiotici. Quando la causa è la perforazione della membrana timpanica, inoltre, può essere curata con un intervento chirurgico mentre, se dovuta all'otturazione dei condotti uditivi, basterà riaprirli o pulirli recandosi in un ambulatorio.

    L'importante è non dimenticarsi mai di fare affidamento al proprio farmacista di fiducia e al personale specializzato che sapranno indicarvi la cura migliore a seconda della natura della patologia.

  • Vitamine e minerali: toccasana per la nostra salute

    04 Febbraio 2020

    Si sa, la qualità della nostra alimentazione è fondamentale per garantirci un benessere quotidiano duraturo.

    Carboidrati e proteine sono importantissime per dare la giusta spinta al corpo ed affrontare al meglio tutte le attività giornaliere. Ma non è tutto: per partire alla grande sin dal mattino non bisogna dimenticare il ruolo delle vitamine e dei minerali.

    Lo stress, la sudorazione, gli sbalzi termici (sia d’inverno che d’estate) espongono le persone ad un alto rischio di disidratazione. Che fare per ridurlo al minimo? Affrontando la giornata con il giusto apporto di vitamine e minerali.

    Come? Facendo il pieno di frutta fresca, dal mattino alla sera. Inserite nella vostra alimentazione le mele, ricche di flavonoidi, le banane, fonte di potassio, i mirtilli, un concentrato di antiossidanti per contrastare i radicali liberi durante l’esercizio fisico, e le prugne, fonte naturale di Vitamine C e K. Oppure fatevi consigliare dal vostro farmacista il migliore integratore multi-vitaminico e multi-minerale, pensato per chi non riesce a dare la giusta energia al fisico attraverso l’alimentazione.

    Chiedete in farmacia prodotti completi, dall’alto valore nutritivo e dalla composizione equilibrata. Non dimenticatevi, ad esempio, di verificare la presenza della Vitamina B, indispensabile per la produzione di energia, e della Vitamina K che aiuta la coagulazione del sangue.

    Inoltre, sinceratevi che gli integratori siano ricchi di Acido Folico e Ferro, in grado di stimolare ancor di più la produzione di globuli rossi ed emoglobina, elementi necessari per garantire all’organismo una maggiore capacità di trasporto d'ossigeno.

    Siete pronti per una giornata ricca di energia?

  • Alzheimer, ecco la ricetta per la prevenzione

    01 Febbraio 2020

    Tutti quanti nella vita abbiamo sentito parlare di Alzheimer. Solo in Italia, anche per la longevità della popolazione, si contano circa 1.000.000 di persone soggette a demenza, di cui 600.000 proprio con questa patologia.

    Non tutti però sanno che la malattia inizia molti anni prima rispetto al manifestarsi dei sintomi.

    Per questo effettuare una diagnosi precoce è fondamentale e lo sarà ancora di più in futuro. Ad oggi, infatti, è in fase di sperimentazione una strategia terapeutica che potrebbe modificarne il decorso tramite la rimozione della proteina beta-amiloide, che ne è la principale responsabile.

    Mente sana in corpo sano

    La cura più importante però è la prevenzione. Seguire un regime alimentare e uno stile di vita sano rallentano l'invecchiamento del cervello e riducono il rischio di demenza.

    Un aiuto concreto ci arriva dalla dieta mediterranea, potente alleata di cuore e cervello.

    Ecco, quindi, alcuni consigli da tenere sempre presenti:

    • A tavola non deve mai mancare l'olio extra vergine di oliva, ricco di acidi grassi monoinsaturi e di polifenoli;
    • Evitate sia i grassi saturi, soprattutto di origine animale – presenti nei dolci industriali e nei fritti – che gli zuccheri semplici;
    • Mangiate legumi, frutta e verdura, in particolare quelle più colorate e ricche di Omega 3. Ottimi anche la frutta secca, i semi e le noci, ricchi di vitamina E;
    • Assumete la vitamina B12, presente nei prodotti di origine animale come uova, merluzzo, salmone, formaggio, ecc.;
    • Non fumate e fate esercizi fisici aerobici, per esempio una bella camminata tre volte la settimana.
    Nel caso di utilizzo di integratori vitaminici si raccomanda di scegliere quelli che non contengono ferro e rame. In questo potrà venirvi in aiuto il vostro farmacista che saprà darvi ottimi consigli indicandovi i prodotti migliori.
Rubriche
  • MASCHERA PER IL VISO NUTRIENTE ALLA PAPAYA

    27 Maggio 2020

    Il viso è una parte del nostro corpo, che risulta essere molto spesso in primo piano. In questa situazione, se l'epidermide non è sano e nutrito nella maniera giusta, anche se siamo truccate da un professionista il risultato, non sarà mai la perfezione. Con questo vi vogliamo far capire che la pelle del viso, essendo molto delicata ha la continua necessità di rigenerare le proprie cellule. Deve essere nutrita per apparire sana e con i trattamenti giusti può mantenere il suo naturale splendore nel lungo periodo, evitando anche la comparsa delle "spaventose" rughe.

    Per rendere la pelle del viso visibilmente curata e piacevole al tatto, esiste la papaya. Ebbene si, questo frutto esotico contiene innumerevoli proprietà benefiche e risulta essere, un potente componente nutriente per migliorare la bellezza estetica.

    Co la papaya, andremo a creare una maschera nutriente adatta ad ogni tipo di pelle. Vediamo gli ingredienti che occorrono per la preparazione.

    Maschera per il viso alla papaya

    Vi occorre:

    mezza papaya abbastanza matura

    1 cucchiaino di miele

    2 cucchiai di gel di aloe vera

    Prendete la mezza papaya ed eliminate la buccia mettetela, tagliatela in piccoli pezzetti e con il frullatore, frullatela fino quando non è completamente morbida e soffice. A questo punto, mettete il composto in una ciotola, aggiungete un cucchiaino di miele e 2 cucchiai di gel di aloe vera, che dovete estrarre direttamente dalle foglie di questa pianta. Amalgamate questi ingredienti tra di loro con un mestolo e ora siete pronte, per applicare la vostra maschera alla papaya direttamente sul viso asciutto e pulito. Non esagerate con la quantità ed evitate il contorno occhi i le labbra, lasciando in posa per 20 minuti. Trascorso questo tempo, eliminate tutto il composto sciacquando rigorosamente con acqua tiepida e non dimenticate, di ripetere questo trattamento almeno una volta a settimana.

    Già dalla prima applicazione di questa maschera, riscontrerete ottimi benefici sulla pelle del viso. L'azione idratante e nutriente è garantita e non dimenticate e in più, è benefico rimedio naturale, per contrastare la comparsa delle rughe.

    Buon trattamento.

  • GLI SPORT CHE AIUTANO AD AVERE LA PANCIA PIATTA

    20 Maggio 2020

    Parliamo della pancia e di quante donne e uomini, sognano di averla piatta, tonica e anche sexy. Questo non è un sogno, ma un semplice desiderio che si può raggiungere, con un pò di impegno. Infatti dovete sapere, che se seguite un'alimentazione sana e soprattutto, abbinate un pò di sport o decidete di svolgere un pò di attività fisica, la pancetta si ridurrà notevolmente e anche voi, potrete vantarvi di un ventre tonico e seducente. In questo nuovo articolo, infatti vi diciamo oltre l'alimentazione, quali sono gli sport giusti, che vi aiutano ad eliminare la pancia. Vediamo, nel dettaglio, quali sono.

    Gli sport che aiutano ad avere la pancia piatta.

    Correre, la corsa influisce, migliorando tutta la muscolatura del corpo, infatti praticare questa disciplina sportiva anche solo un'ora al giorno, brucia i grassi che si formano in modo eccessivo sull'addome. Inoltre, se volete potete anche sostituire la corsa con il tapis roulant, perché favorisce la perdita della massa grassa, l'importante è alternare, minuti di accelerazione con minuti più leggeri ad un andamento simile, ad una camminata.

    Yoga e pilates, sono due tipi di discipline che scolpiscono il corpo. Agiscono rendendo, il corpo più elastico e tonico e richiedono poco sforzo muscolare. Sono due sport adatti, in modo particolare al sesso femminile.

    Nuoto e acquagym, queste due attività fisiche, hanno dei vantaggi, il primo è che fanno sentire il corpo leggero e il secondo è che gli allenamenti risultano, grazie all'acqua più leggeri e meno faticosi. La perdita della pancia risulta facile e in più, si scolpisce tutto il corpo.

    Perdere la pancia non è difficile, basta solo conoscere le strategie e le scorciatoie giuste, che conducono al traguardo. Volete perdere veramente, la pancia? Allora, ora sapete come fare e soprattutto, cosa è giusto fare.

    Dite pure addio, alla pancia e come sempre, buon allenamento.

  • MASCHERA NUTRIENTE PER I CAPELLI ALLA CAROTA

    13 Maggio 2020

    Noi donne siamo sempre alla ricerca di prodotti, che rendano i nostri capelli bellissimi e perfetti. Il più delle volte succede, che prese da il lancio di un nuovo trattamento sul mercato dalle promesse miracolose, lo acquistiamo senza pensarci minimamente. E qual'è il risultato? Che siamo semplicemente più deluse di prima. Per avere una chioma sana e bella non serve "la bacchetta magica" o il "santo gral", ma bisogna prendersene cura nel modo giusto. Infatti, le piccole accortezze, permettono di ottenere buoni risultati. La natura, ha molte risposte ai nostri bisogni e pensate, che è in grado di alleviare le nostre insoddisfazioni, trasformandole in soddisfazioni.

    Vi presentiamo la carota, lei sarà la protagonista del nostro nuovo articolo. Prepareremo, una maschera nutriente adatta ad ogni tipo di capello.

    Maschera nutriente alla carota

    vi occorrono:

    2 carote

    1 cucchiaio di olio extravergine

    1 cucchiaio di yogurt bianco naturale

    Prendete le 2 carote e provvedete a pelarle, tagliatele in piccoli pezzi e mettetele nel frullatore, andando a frullarle fino a renderle cremose e soffici. In una ciotola versate il frullato di carota e aggiungete il cucchiaio di olio extra vergine, il cucchiaio di yogurt bianco naturale e mescolate con un mestolo, fino a quando gli ingredienti non sono tutti amalgamati tra di loro. Mettete un asciugamano intorno alle spalle e spicciate i capelli con una spazzola. Applicate sui capelli asciutti, la vostra maschera iniziando dalla cute fino ad arrivare alle punte. Lasciate in posa il composto per 15 minuti e quando il tempo è trascorso, procedete nell'eliminazione della maschera, con acqua tiepida, per poi, passare a fare lo shampoo.

    Se volete riscontrare sui vostri capelli un effetto nutriente, illuminante, protettivo e di piacevole morbidezza, allora non vi resta che applicare con costanza, questa maschera alla carota almeno una volta a settimana.

    Sentitevi fiere e vantatevi dei vostri capelli!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.